Winner XI Premio di Musica Barocca

Raffaele Feo

Nato a Imperia dimostra fin da piccolo una particolare predisposizione alla musica. All’età di 11 anni il M° Gianfranco Brizio e la moglie, il soprano Josella Ligi, lo invitano a intraprendere lo studio del canto lirico, notata la naturale attitudine.

Studi e formazione:

Inizia lo studio del canto con il mezzo-soprano Paola Pittaluga; nel 2013 partecipa al “Santa Cecilia Opera Studio”, avendo la possibilità di studiare ed essere apprezzato dal soprano Sig.ra Renata Scotto.
Nel 2015 consegue il Diploma Accademico di I° livello con il massimo dei voti sotto la guida del mezzosoprano Gloria Scalchi, presso il Conservatorio “Nicolò Paganini” di Genova.
A maggio 2016 frequenta l’accademia di Alto perfezionamento del Festival Pucciniano di Torre del Lago mentre nel 2017 entra nell’accademia Rodolfo Celletti di Martina Franca, dove studia con maestri quali Antonio Lemmo, Sherman Lowe, Chris Merrit, Stefania Bonfadelli, Domenico Colaianni, Carmen Santoro, Luca Gorla, Antonio Greco.
Nel febbraio 2019, selezionato tramite audizione col maestro Leone Magiera, ha la possibilità di entrare nell’accademia di “Alto Perfezionamento lirico e avvio alla Carriera” del teatro “L.Pavarotti” di Modena.
Negli ultimi anni, Raffaele ha avuto la possibilità di farsi ascoltare e consigliare da cantanti e insegnanti di chiara fama, come Mariella Devia, Leone Magiera, Nicola Martinucci, Michele Pertusi e Roberto Scandiuzzi.
Data la spiccata musicalità, attualmente sta approfondendo anche il repertorio barocco con il contralto Sonia Prina, mentre si affida alla guida del tenore Ercole D’Aleo per perfezionare l’aspetto tecnico.

Esperienze lavorative:

Nel 2011 debutta al Teatro dell’opera Giocosa di Savona ne Il Signor Bruschino di Rossini (La Malfa/Courir).
Dal 2012 al 2015 partecipa a varie rassegne liriche minori in Liguria, Piemonte e Toscana, dove ha la possibilità di debuttare numerosi secondi ruoli, collaborando con vari direttori e registi (Romani, Zambelli, Galli, Beltrami, Giaroli, Bonajuto, Paloscia).
Nel 2015 è Gastone ne La Traviata di Verdi durante la stagione estiva dell’opera Giocosa a Savona (Sisillo,Monti), affiancando tra gli altri il soprano Saioha Hernandez.
Nel 2016 sempre a Savona, partecipa agli allestimenti di Rigoletto di Verdi (Romani, Bertolani) e di Lucia di Lammermoor di Donizetti (Rolli, Brokehaus/Escobar).
Nell’autunno dello stesso anni viene scelto per il progetto Opera-laboratorio del baritono Leo Nucci per l’allestimento di Un Ballo in Maschera di Verdi (Renzetti, Nucci) con repliche a Ferrara e Ravenna.
Nel 2017 ha cantato per il festival della Valle d’Itria di Martina Franca nel progetto dedicato a Monteverdi intitolato Altri Canti d’Amor (Greco, Eco di Fondo) e nel Gianni Schicchi di Puccini (NAGELE , Garattini), oltre a vari concerti dedicati alla figura operistica di Orlando.
Nello stesso anno debutta il ruolo di Oebalus nell’opera giovanile di Mozart Apollo et Hyacinthus a Forlì (Raspanti).
In Aprile 2018 canta di nuovo al Teatro Municipale di Piacenza ne Il Corsaro di Verdi, con repliche a Modena (Beltrami, Pugelli/Pulvirenti) e nel maggio dello stesso anno canta in Duomo a Modena nel Magnificat di Bach (Bononcini).
A dicembre 2018 è stato nuovamente Gastone ne la Traviata di Verdi a Piacenza, con repliche e Rimini per la riapertura del teatro A.Galli (Morandi,Nucci).
In Febbraio 2019 viene chiamato per una sostituzione improvvisa nel Rondò Arlecchinesco di Busoni, esibendosi nel teatro veneziano La Fenice e all’auditorium Pollini di Padova, sotto la bacchetta di Marco Angius.
A Giugno ha cantato nello spettacolo di fine corso al Pavarotti di Modena sotto la bacchetta di Silvia Spinnato e la regia di Enrico Stinchelli.
A Luglio ha la fortuna di riesibirsi a Savona in Madama Butterfly sotto la direzione di Jacopo Brusa e la regia della Signora Renata Scotto, ricevendo numerosi apprezzamenti da colleghi di chiara fama e dalla critica per presenza scenica e vocale.
Ha appena debuttato per il teatro Cilea di Reggio Calabria, il ruolo di Pang nella Turandot di Puccini, direttore Manuela Ranno, regia Renato Bonajuto.
Tra i futuri impegni da segnalare la partecipazione all’opera contemporanea La Notte di Natale di Alberto Cara, recite a Savona e Modena.


Contatti

Raffaele Feo – via Dolcedo, 63 CAP 18100 Imperia IM Italia
+39 3384644403
raffaele.feo@gmail.com

CURRICULUM VITAE PERNA GIUSEPPINA

Giuseppina Perna, nata nel 1992, è un soprano irpino diplomatosi con lode in canto lirico nel 2015 presso il conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino sotto la guida del maestro Enrico Turco.
Dal 2007 al 2015 suona nell’orchestra del conservatorio e collabora con l’orchestra giovanile del teatro Carlo Gesualdo in qualità di violista(nel 2013 si esibiscono all’ambasciata americana ed eseguono “lo Schiaccianoci” e “il Lago dei Cigni”presso il teatro sopra citato).
Dal 2005 è componente di diversi gruppi vocali, che si esibiscono in repertorio madrigalistico cinquecentesco riuscendosi a classificare nel 2013 al Concorso Internazionale di Arezzo e ad esibirsi presso la Cattedrale di Winchester in Inghilterra.
Agli inizi del 2019 ha conseguito il Master di perfezionamento in Prassi ed Esecuzione del repertorio antico sotto la guida del M° Antonio Florio presso il Conservatorio S.Pietro a Majella laureandosi con lode e menzione speciale, esibendosi in diverse occasioni con l’Associazione Scarlatti di Napoli.
Il suo repertorio presenta collaborazioni non solo in campo lirico, ma anche per progetti che vanno dalla musica antica(nel marzo 2014 ha infatti eseguito un manoscritto inedito di Niccolo’ Porpora presso il Palazzo Zevallos di Napoli e il “Combattimento di Tancredi e Clorinda” di Monteverdi ) a quella contemporanea (“El Retablo de Maese Pedro” di De Falla e il “Concerto per la notte di Natale” di Luigi Dallapiccola presso il Teatro Eur di Roma nel 2015).
Sempre nel 2015 esegue la Quarta Sinfonia di Malher condotta dal direttore americano Phil Nuzzo e nel 2016 si esibisce in concerto con l’Orchestra Filarmonica di Benevento diretta dal M° Ciampa.
Nel 2017 ha debuttato al Teatro San Carlo di Napoli nel concerto Concerto Zilberkant/Laca.
Nel 2018 è stata Cleonte nell’opera Zenobia regina de’ Palmireni di Albinoni esibendosi Presso il teatro Malibran della Fenice e il teatro Mario del Monaco di Treviso.
Recentemente è stata protagonista dello spettacolo “Shakespeare in Venice” presso il teatro La Fenice e si è esibita come soprano solista in Austria nel Dixit dominus di Handel e il Magnificat di Bach di retta dal M . Gianluca Capuano.